Educazione finanziaria per contrastare la povertà e l’esclusione finanziaria - CARITAS TARVISINA

Educazione finanziaria per contrastare la povertà e l’esclusione finanziaria

Il Protocollo di Intesa tra la Fondazione per l’educazione finanziaria e al risparmio (FEduF) e l’organismo pastorale della Conferenza Episcopale Italiana ha l’obiettivo di rafforzare le attività di supporto agli operatori delle Caritas Diocesane e favorire una maggiore conoscenza di modelli economici inclusivi e sostenibili e degli strumenti finanziari

Roma/Milano, 18 luglio 2023 – La familiarità con l’educazione finanziaria è oggi limitata a meno di un italiano su cinque e questa competenza è percepita esclusivamente come “materia” per addetti ai lavori o per coloro che si sono già avvicinati all’ambito finanziario.

Partendo da questa considerazione e dalla consapevolezza che attualmente il sistema economico tende a generare sempre più disuguaglianze, FEduF (ABI) e Caritas Italiana hanno siglato un Protocollo d’intesa per diffondere la conoscenza di strumenti che favoriscano l’educazione all’uso responsabile del denaro e che consentano di intervenire nei processi di prevenzione e di accompagnamento delle vittime di sovra indebitamento e di usura e favorire una cultura ispirata ai valori della solidarietà e scelte di vita e di spesa più equilibrate e sostenibili.

Secondo i dati Istat, le famiglie in povertà assoluta sono un milione 960mila, pari a 5.571.000 persone (il 9,4% della popolazione residente) e nel Rapporto Statistico 2023 sulla povertà in Italia presentato da Caritas Italiana, viene evidenziato un aumento, nel 2022, del numero di assistiti rispetto al 2021, pari al 12,5%. Le difficoltà materiali sono prevalenti, tanto che l’82,7% delle persone sostenute manifesta uno stato di fragilità economica, tra le quali spiccano in tal senso le situazioni di “reddito insufficiente” (62,0%) o in seconda istanza, di “assenza totale di entrate” (20,7%).  Una recente ricerca dell’Università Cattolica sulle Fondazioni antiusura, delinea il profilo dei sovra indebitati. Si tratta di persone tra i 48 e i 57 anni o di pensionati, soprattutto uomini coniugati con famiglie molto numerose: hanno un’occupazione lavorativa ma percepiscono redditi esigui o hanno problemi di cattiva gestione del denaro. Spesso non riescono a onorare i debiti contratti per eventi relativi all’attività lavorativa, come la perdita dell’occupazione, la cassa integrazione o la riduzione dei redditi.

Come sappiamo, lo scenario economico e sociale negli ultimi anni ha prodotto un acuirsi delle fragilità e un aumento delle distanze sociali ed economiche tra le persone”, dichiara don Marco Pagniello, direttore di Caritas Italiana. “Sempre più famiglie con figli minori a carico si rivolgono alle Caritas per un aiuto economico, manifestando un disagio e una frustrazione crescenti. Accanto a quanti sono costretti ad indebitarsi perché non vedono altre vie d’uscita, in sempre più casi le persone tendono a indebitarsi pur di omologare i propri consumi a quelli di chi si trova in una condizione di benessere maggiore. È necessario promuovere un modello culturale diverso, ma in entrambe le situazioni siamo chiamati a sviluppare azioni e programmi di educazione finanziaria e di sostegno economico capaci di agire sui livelli di povertà e sull’esclusione sociale e finanziaria che spesso si genera, stimolando invece l’empowerment delle persone e restituendo loro fiducia e opportunità”.

La ricerca IPSOS realizzata per FEduF nel mese di maggio 2023 testimonia che acquisire competenze finanziarie è necessario per gestire al meglio il proprio futuro e compiere scelte consapevoli, poiché è proprio tra chi conosce l’educazione finanziaria che si rilevano capacità di risparmio (56% vs 37%) e attitudine all’investimento (66% vs 59%) più elevate rispetto alla media, che si traducono in una maggiore soddisfazione per la condizione economica (74% vs 55%) e sensibilità per gli effetti degli investimenti sulla società e sul Paese.

“Di fronte a scenari internazionali sempre più difficili e alle conseguenze che ricadono sulla nostra economia, a partire da alta inflazione e bassa crescita, non possiamo che rimboccarci le maniche e fare in modo che soprattutto i più deboli non siano coloro che ci rimettono di più – commenta Giovanna Boggio Robutti, Direttore Generale di FEduF – la collaborazione con Caritas aggiunge un tassello alla diffusione delle competenze civiche e, in particolare di quelle economiche, indispensabili per cementare la coesione sociale, contrastare le fragilità e puntare sull’inclusione grazie ad una programmazione economica e sociale che sappia davvero cogliere i bisogni reali dei cittadini nella vita di tutti i giorni”.

****

La Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio (FEduF) è nata su iniziativa dell’Associazione Bancaria Italiana per diffondere l’educazione finanziaria in un’ottica di cittadinanza consapevole e di legalità economica. Obiettivo della Fondazione è il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati a promuovere una nuova cultura di cittadinanza economica, valorizzando le diverse iniziative, superando gli individualismi e mettendo a fattor comune le esperienze maturate in nome dell’interesse della comunità. Opera in stretta collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e gli Uffici Scolastici sul territorio e diffonde, nelle scuole di ogni ordine e grado, programmi didattici innovativi nella forma e nei contenuti, anche attraverso l’organizzazione di eventi per gli studenti, gli insegnanti e i genitori. La Fondazione lavora sulla mediazione culturale tra contenuti complessi e strumenti divulgativi semplici ed efficaci. Le sue iniziative si rivolgono anche agli adulti, in collaborazione con le Associazioni dei Consumatori.
Per informazioni:
FeduF
Igor Lazzaroni, Ufficio Stampa FEduF – 02 72101224 – 347 4128357
Caritas Italiana è l’organismo pastorale della Conferenza Episcopale Italiana che ha il compito di promuovere la testimonianza della carità, cioè l’amore concreto per il prossimo. La dimensione della carità permea e feconda la vita delle comunità.
Da oltre 50 anni Caritas Italiana accompagna le Caritas diocesane con interventi a supporto della testimoniata di donne e uomini, “in forme consone ai tempi e ai bisogni” (art.1 dello Statuto). Nella prospettiva della testimonianza della carità, Caritas Italiana svolge la sua funzione pedagogica, volta allo sviluppo integrale dell’uomo, della giustizia sociale e della pace, con particolare attenzione alle persone e alle realtà più vulnerabili.
Camminando sulla via del Vangelo, la Caritas si pone in dialogo con i poveri, gli ultimi, gli esclusi, portatori di diritti prima ancora che di bisogni, per costruire un mondo basato sulla giustizia e sull’amore fraterno, in cui nessuno sia lasciato indietro. In Italia e nel mondo.
Per informazioni:
Caritas Italiana
Caterina Boca – 06 66177 401 — 338 8343 507

Ultime notizie

Don Bruno Baratto nominato direttore

Coordinatore “ad interim” dallo scorso dicembre, dopo la morte improvvisa di don Davide Schiavon, Baratto guida l’organismo pastorale che ha il compito di” aiutare tutta la diocesi a vivere il comandamento dell’amore, con particolare attenzione ai più poveri”, come ha detto mons. Tomasi presentando la nomina agli operatori della Caritas Don Bruno Baratto è il

Levada: nel ricordo di don Davide

Levada: centro d’ascolto Caritas intitolato a don Davide Schiavon, che qui fu parroco e avviò la struttura. Proposti anche due progetti, in Togo e Mali, e una rinnovata attenzione all’emergenza abitativa In occasione dell’inizio dei festeggiamenti della parrocchia di Levada per la solennità dei santi Pietro e Paolo, il locale centro Caritas è stato intitolato

LAVORA CON NOI: operatore Servizi e Centro di ascolto

POSIZIONE APERTA: OPERATORE/TRICE SERVIZI E CENTRO DI ASCOLTO   1. Posizione e ruolo Operatore impegnato nei servizi di assistenza, accoglienza e accompagnamento di Fondazione Caritas Treviso. L’operatore farà riferimento direttamente a: Direttore di Fondazione Caritas Tavolo Promozione umana e coordinamento servizi   2. Scopo Il lavoro dell’operatore mira a: Garantire i servizi e l’accompagnamento alle

Report statistico nazionale “La povertà in Italia”

Presentato il Rapporto “La povertà in Italia” Cresce il numero delle persone accompagnate e aiutate dalle Caritas diocesane. Il Report statistico nazionale 2024 di Caritas Italiana “La povertà in Italia” valorizza i dati di 3.124 Centri di ascolto e servizi delle Caritas diocesane, dislocati in 206 diocesi in tutte le regioni italiane. Si tratta solo