Toccare con mano - CARITAS TARVISINA

Toccare con mano

Un invito esplicito a vivere la logica dell’incarnazione. Dinanzi alle guerre, ai migranti, all’umanità lacerata proviamo paura, sdegno, rabbia, impotenza… ma è necessario che nel toccare con mano questa umanità lasciamo scorrere dentro le nostre vene la linfa vitale della compassione.

Dinanzi ai drammi che segnano la nostra storia e le nostre giornate ancora una volta siamo chiamati a vivere la scelta di abitare, di stare. In ognuno di noi è molto forte la tentazione di fare zapping dinanzi ai molteplici volti della sofferenza. A volte preferiamo lasciarci inglobare dalla nube multiforme dell’indifferenza, perché sperimentiamo un senso di impotenza che ci inquieta e ci brucia nel cuore. Cerchiamo di scappare trovando rifugio in tutto ciò che anestetizza il nostro cuore e distoglie i nostri pensieri. Siamo continuamente in fuga e rischiamo, alla fine, di trovarci insoddisfatti e frustrati. È necessario fare un bagno di sano realismo. La storia che stiamo vivendo, non è né migliore né peggiore di quella di altri tempi. È la nostra storia, è il nostro mondo e siamo chiamati a vivere. È necessario camminare con gradualità e avere a cuore che la vita non si consuma, ma si assapora. Non si può pensare di eludere le difficoltà e le fatiche, perché sono parte costitutiva dell’esistenza. Ognuno di noi è allora chiamato ad entrare dentro questa storia con il prezioso ed insostituibile compito di fare la propria parte. È necessario entrare in punta di piedi, onorando la sacralità di ogni vita, ma senza rimanere bloccati dalla paura di sporcarci, dalla paura di rimetterci qualcosa. La vita per essere vissuta e non essere una sterile sopravvivenza chiede fiducia, cioè ci chiede di saper rischiare.

Più che mai, in questo tempo, le parole di Gesù che ci esorta a toccare la sua carne, suonano come un invito esplicito a vivere la logica dell’incarnazione, la logica di un Dio che abita la debolezza e la semplicità. La vera profezia che oggi ci è chiesta è quella di toccare con mano questa storia, questa umanità, questa carne. Troppo spesso si fa della poesia sulla sofferenza, sulla povertà, sul dolore. Facilmente (e superficialmente) si dice che la sofferenza è maestra di vita. La carne crocifissa infastidisce, la carne piagata puzza, la carne sporca indigna, ma fino a quando non toccheremo con le nostre mani quella carne, resteremo dentro a bellissime teorie sul Vangelo, sulla Carità di Cristo, sulla bellezza della fraternità. La croce non si addolcisce con dei fiorellini. Il volto luminoso del Risorto non cancella il volto sfigurato del Crocifisso, ma lo completa. Toccare quella carne significa fare esperienza della realtà, senza mistificarla ma con la consapevolezza che l’ultima parola sulla nostra storia è la Vita, è l’Amore. Toccare la carne del Crocifisso è vincere la propria incredulità nella forza generativa della resurrezione. È la grande profezia che siamo chiamati a vivere, perché una fede disancorata dalla storia, dai volti, dalle passioni, dalle vittorie e dai fallimenti … è una fede morta. Dio si fa toccare e ci parla attraverso la sua carne che è la nostra. Se ritiriamo la mano diciamo a Dio di rimanere in silenzio, lo confiniamo e lo mettiamo fuori dalla nostra terra. Dinanzi alle guerre, ai migranti, all’umanità lacerata proviamo paura, sdegno, rabbia, impotenza … ma è necessario che nel toccare con mano questa umanità lasciamo scorrere dentro le nostre vene la linfa vitale della compassione. Compatire non è solo soffrire insieme, ma è condividere lo stesso destino di una esistenza che è fatta di vita e di morte. Compassione è toccare con mano il limite di una vita fragile che si spalanca, attimo dopo attimo, sull’orizzonte infinito dell’Eterno. Toccare con mano l’umanità ferita di Cristo è fare esperienza che il Tutto è racchiuso in un frammento, è vivere la profezia di una Carità che si fa tutto a tutti e non lascia indietro nessuno. La nostra fede per ritrovare vigore ha bisogno di essere immersa in questa storia, di essere attraversata dalle contraddizioni di questa epoca. Per incontrare ed annunciare il Risorto siamo chiamati ad essere in cammino, giorno dopo giorno, abitando con stupore ogni istante, ogni piccolo frammento.

Don Davide Schiavon

22 agosto 2023


Ultime notizie

Terra Santa – emergenza Medioriente (aggiornamento giugno 2024)

Questa nuova drammatica fase del pluridecennale conflitto israelo-paestinese, innescata il 7 ottobre dall’attacco terroristico di Hamas, ha raggiunto proporzioni immani, con violenze inaccettabili non solo a Gaza e in Israele, ma in tutta la Cisgiordania e in Libano. La tensione è ormai altissima in tutta la regione, con episodi bellici e terroristici in Siria, Iran,

Sostegno alla Casa della Carità

Sostieni la Casa della Carità! La tua donazione diventerà un pasto caldo, un riparo per la notte, una doccia, ascolto e accoglienza per le persone senza fissa dimora Tra tutti i dati riportati nel Bilancio Sociale 2023 (leggi / scarica da QUI) uno dei più rilevanti è il considerevole aumento di accessi ad alcuni servizi

Benedizione e Bellezza 2024

B&B Benedizione&Bellezza – Iniziativa della Pastorale Giovanile e Caritas Tarvisina per l’estate 2024 B&B, “Benedizione&Bellezza”, è un’esperienza di vita fraterna assieme ad altri giovani amici e ai fratelli più poveri ospitati in Casa della Carità a Treviso. Tre giorni per abitare un tempo e uno spazio con i fratelli senza fissa dimora, per illuminarci di

Emergenza terremoto Marocco (aggiornamento maggio 2024)

La regione di Marrakech è stata devastata nella notte di venerdì  8 settembre 2023 da una forte scossa di terremoto (magnitudo 6.8 della scala Richter). A sette mesi dal sisma la maggior parte delle famiglie colpite vive ancora in rifugi temporanei, mentre si assiste a un significativo calo degli aiuti, anche quelli governativi. La popolazione