Un'estate di condivisione: ESPERIENZA DI SPIRITUALITÀ CON LE COOPERATRICI PASTORALI - CARITAS TARVISINA

Un’estate di condivisione: ESPERIENZA DI SPIRITUALITÀ CON LE COOPERATRICI PASTORALI

ESPERIENZA DI SPIRITUALITÀ CON LE COOPERATRICI PASTORALI

La seconda esperienza propostami da Caritas, l’ho vissuta qualche settimana dopo, a fine agosto, a Spello, in Umbria. Quello che mi aspettava era un fine settimana in compagnia di altre ragazze organizzato dalle Cooperatrici Pastorali Diocesane.

Un piccolo borghetto di San Giovanni di Spello, il posto perfetto per poter “nutrire la vita di bellezza” e “portare Dio nella quotidianità”, anche attraverso il semplice cucinare e mangiare insieme, o l’aiutarci a vicenda o nell’augurarci buonanotte e buongiorno.

Questi giorni mi hanno aiutata a riscoprire ciò che ho vissuto sulla mia pelle in quest’anno di volontariato in Caritas e nel pellegrinaggio a Roma: “ogni persona é una vita, ogni vita una storia”, ognuno é diverso.

 

Federica


articoli correlati

COVID-19: nuovo monitoraggio Caritas su povertà e risposte ai bisogni

Il 2 luglio di 49 anni fa, fortemente voluta da San Paolo VI, nasceva Caritas Italiana. In questi decenni ha sempre cercato, in fedeltà al mandato ricevuto, di essere – come ha sottolineato papa Francesco in occasione del 45° – “stimolo e anima perché la comunità tutta cresca nella carità e sappia trovare strade sempre nuove per farsi vicina

NOTA CARITAS DIOCESANA SUGLI INDUMENTI USATI

Premessa La raccolta degli indumenti usati e la distribuzione alle persone in difficoltà è stato uno dei primi servizi che si è strutturato nelle caritas parrocchiali e anche nella Caritas Diocesana. La Caritas Diocesana ha raccolto gli indumenti usati attraverso delle raccolte straordinarie a livello diocesano e attraverso i cassonetti gialli dislocati nel territorio. Il

We the Syrians: Proposta di Pace per la Siria

La Proposta di Pace “Noi siriani” è il risultato di anni di lavoro delle comunità di rifugiati siriani nel nord del Libano e in tutto il mondo, di civili che non appartengono a fazioni politiche e credono ancora in mezzi nonviolenti per porre fine alla guerra in Siria e tornare alle loro case. Il nostro

Le nostre croci, i nostri sorrisi: volontari Caritas che vogliamo ricordare

Dodici croci. Quelle segnalate dalla Caritas per le quali operavano. Dodici persone comuni. Dodici cristiani della porta accanto. Dal sorriso caloroso. Dall’incomprimibile, mai sbandierata attitudine a piegarsi sull’altro, il bisognoso, il povero, il marginale. Il fratello. Dodici uomini e donne che si sono donati. Con semplicità. Nella quotidianità. Perché sì, se te lo chiede la