Pasqua 2014 - CARITAS TARVISINA

Pasqua 2014

Carissimi,

è con grande trepidazioni e in punta di piedi che vi rivolgo gli auguri di una Buona e Santa Pasqua. L’annuncio luminoso della vittoria della Luce sulle tenebre, della Vita sulla morte squarci le tenebre e le depressioni del nostro cuore. Faccia rifiorire la speranza, accenda nel nostro cuore il desiderio di una vita ricolma di pace, amore, benevolenza.

La vita di ciascuno è una terra sacra che va rispettata ed onorata. Ognuno di noi ha le sue tenebre e le sue ferite che sovente continuano a grondare sangue. Quante domande laceranti continuano a vagare nella nostra mente, quante relazioni e affetti infranti continuano a far calare sul nostro orizzonte il buio dei rimpianti e delle amarezze, quanti fallimenti ristagnano in maniera pesante nel nostro animo e affievoliscono la speranza per il domani, appiattiscono i nostri giorni e ci spingono verso una sterile sopravvivenza.

È PASQUA DI RESURREZIONE ! Ci viene annunciato che tutto ciò non viene giudicato dal Signore, che Lui non ci abbondona tra i flutti tempestosi delle nostre inquietudini ed amarezze. Cristo muore per noi, per amore nostro e squarcia il buio del cielo, del nostro cielo. È uno squarcio di speranza che ci fa riassaporare la luce, la gioia dei colori, la bellezza della vita, la meraviglia della comunione, dell’esserci e dell’esserci insieme agli altri.

Pasqua è allora lasciare che l’amore di Dio entri nelle periferie esistenziali del nostro cuore, affinché tutte quelle realtà della nostra vita che sono imprigionate dalla rassegnazione e dal vuoto possano liberare la loro energia di Vita e di Amore. Cristo Risorto non cancella la sofferenza, ma ci assicura che nulla andrà perduto, che tutto viene recuperato dal suo Amore. Pasqua è allora il tempo della nostra vita nel quale siamo chiamati a vivere, con gradualità e costanza, continui passaggi verso la verità e la libertà del nostro cuore. È il tempo in cui il Signore si fa compagno di viaggio, entra nella nostra vita, soprattutto lì dove lutti, malattie, ferite affettive, fallimenti, delusioni, vuoto appesantiscono come macigni il nostro animo. Entra nel nostro inferno, condivide il nostro buio e lo illumina di una speranza intramontabile: non ci lascerà mai soli, la luce dell’amore prevarrà sempre sul buio della tristezza e della morte. Ci prende per mano, ci fa uscire dalle periferie e ci riporta a casa per condividere il pane della comunione con altri fratelli. Ci dona la forza e la speranza per abitare, per dimorare su questa terra, con i piedi ancorati alla realtà terrena, ma con lo sguardo rivolto al cielo e ricolmo di stelle, di speranza e luce.

Pasqua è il senso della nostra vita, è uscire dall’inutilità per scoprire ogni giorno che non c’è gioia più grande di quella di perdersi nell’Amore.

Buona Pasqua a tutti. Don Davide (D.S.B.)


Ultime notizie

La carità non va in vacanza

La carità non va in vacanza, le nostre porte sono sempre aperte e i nostri servizi attivi Gli operatori e i volontari della Caritas diocesana saranno in servizio anche nel mese di agosto, per garantire i servizi a tutte le persone che hanno bisogno. Per le esigenze degli ultimi, in un periodo che accentua le

L’ora dei doveri e delle responsabilità

“Abbiamo il dovere di offrire futuro, di riaccendere la speranza. Non dobbiamo cadere nello sconforto dinanzi all’irresponsabilità di una classe politica che, a livello italiano e mondiale, ha perso di vista l’orizzonte del bene comune.“ Stiamo vivendo un momento molto delicato nel quale il miraggio di un individualismo esasperato ci ha portato a camminare su

Estate generativa

“Vacanza è sicuramente un’esperienza di generosità, un godere del tempo a nostra disposizione. Vacanza è il piacere di poter finalmente pensare un po’ a noi stessi, alle nostre scelte e al nostro futuro” Il mito sacro delle vacanze, dei viaggi, delle avventure, ritorna ad esplodere come sempre. Quest’anno forse ancora più forte per effetto di

Vivere da uomini

“Aprirsi al mondo significa mettersi in cammino per cercare una verità che sempre ci precede e sorprende, vuol dire impegnarsi a dare voce a chi non ce l’ha mettendosi dalla parte dei più deboli, significa riconoscere che non si può dare per carità quello che a ciascuno spetta per giustizia. Il Vangelo ci invita a