Rapporto "Povertà in attesa" di Caritas Italiana - CARITAS TARVISINA

Rapporto “Povertà in attesa” di Caritas Italiana

il 17 ottobre 2018, nella Giornata mondiale di lotta contro la povertà, Caritas Italiana presenta a Roma, presso Fondazione CON IL SUD (Via del Corso, 267), il suo Rapporto 2018 su povertà e politiche di contrasto dal titolo “Povertà in attesa”.
Questa edizione integra per la prima volta in un unico testo il 17° “Rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia” e il 5° “Rapporto sulle politiche contro la povertà in Italia”, con l’intento di offrire uno strumento aggiornato di studio ed approfondimento, nonché per stimolare l’azione delle istituzioni civili, e per questo analizza in particolare l’attuazione in Italia del Reddito di Inclusione (REI).


articoli correlati

Chiamati a custodire e donare amore

 Stiamo vivendo giorni in cui sempre più si assiste ad un accanimento, verbale e fisico, dell’uomo contro chi è altro da sé. Si sono rotti gli argini del rispetto e del valore della persona. Il vulcano dell’individualismo erutta continuamente lapilli infuocati carichi di egoismo e odio. La tentazione è quella di lasciarsi vincere dallo sconforto.

Hai tra i 18 e i 25 anni? Prova l’Anno di Volontariato Sociale

L’Anno di Volontariato Sociale è un’esperienza che nelle sue motivazioni profonde ricalca quella del servizio civile. Caritas Tarvisina offre questa possibilità a ragazzi e ragazze dai 18 ai 25 anni della diocesi di Treviso. Gli elementi che qualificano l’anno di volontariato in Caritas sono: il servizio, la formazione, la sensibilizzazione, la gratuità e la condivisione. L’AVS offre

La vita vince sempre

  Ogni giorno nel cuore di molte persone e in ogni angolo della terra si consumano pagine drammatiche che lasciano un segno profondo, delle ferite lancinanti. Dinanzi a tutto questo si possono alzare muri a salvaguardia del proprio benessere, ci si può rifugiare nell’indifferenza che non si lascia toccare da chi sta andando alla deriva,

Chi avrà più filo, tesserà

  Stiamo vivendo in un tempo, in cui anche dal punto di vista religioso, si rischia di rimanere un po’ disorientati. Credo sia importante ritornare alla sorgente, ritornare al Vangelo. La vita è un dono meraviglioso che va assaporato nella sua semplicità ed unicità. Ogni uomo è portatore di un “unicum” che lo rende prezioso