SFOLLATI: UOMINI, donne e bambini profughi nel proprio Paese. Per la Giornata del Rifugiato, Caritas dedica un dossier alla loro condizione nel mondo con un focus sull’Iraq - CARITAS TARVISINA

SFOLLATI: UOMINI, donne e bambini profughi nel proprio Paese. Per la Giornata del Rifugiato, Caritas dedica un dossier alla loro condizione nel mondo con un focus sull’Iraq

Per la Giornata mondiale del Rifugiato (20 giugno 2020) Caritas Italiana dedica il suo 57° Dossier con Dati e Testimonianze (DDT) agli “Sfollati. Uomini, donne e bambini profughi nel proprio Paese” (.pdf). Un focus specifico è riservato alla situazione dell’Iraq, paese in cui Caritas Italiana sostiene da anni interventi in favore degli sfollati ed altre fasce vulnerabili della popolazione in collaborazione con Caritas Iraq ed altre realtà della Chiesa locale.  Secondo il rapporto dell’UNHCR (Global trends 2019) sono quasi 80 milioni le persone costrette a lasciare le proprie terre e trovare rifugio in uno stato estero o all’interno del loro Paese. Un incremento notevole rispetto all’anno precedente, quando erano 70,4 milioni.

Moltissimi vivono situazioni di sfollamento prolungato che possono tramutarsi in una condizione cronica. Gli sfollati interni in particolare sono nel mondo 50,8 milioni. Il numero più alto di sempre. Nel linguaggio umanitario sono chiamati Internal Displaced People (IDP), profughi costretti ad abbandonare le loro case ma che restano nella propria nazione. Di queste oltre 45 milioni lo sono a causa di conflitti armati e violenze. Il numero di profughi interni a causa delle guerre supera di gran lunga rifugiati e richiedenti asilo (i profughi accolti all’estero).

Il dossier, riprendendo anche i dati di indagini di Caritas Iraq sui giovani, analizza nello specifico la situazione dei 1,6 milioni di profughi interni in Iraq, sfollati a causa dell’Isis che nel 2014 conquistò la città di Mosul e la Piana di Ninive, generando all’apice del conflitto circa 6 milioni gli sfollati. Sono persone che hanno paura a tornare nelle loro case, se ancora esistono, e che a fatica immaginano un futuro felice. Durante gli ultimi quaranta anni hanno inoltre subito quattro guerre, dieci anni di embargo, otto anni di occupazione militare straniera e nove anni di terrorismo interno sfociato in una vera e propria guerra civile, non ancora del tutto sopita. Il DDT, anche attraverso le storie di queste persone, vuole dare voce alla loro sofferenza, spesso dimenticata dalla comunità internazionale, concentrata a difendersi dai profughi che oltrepassano i confini.

Ed è proprio a loro, agli sfollati interni, che papa Francesco ha scelto di dedicare la 106a Giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato, che si celebrerà il prossimo 27 settembre. Il titolo del messaggio pontificio è “Come Gesù, costretti a fuggire”.

Questo Dossier si aggiunge ai 56 già pubblicati da Caritas Italiana, tutti disponibili on-line, compreso quello già dedicato all’Iraq nel luglio 2015.


articoli correlati

Dacci oggi il nostro pane quotidiano: al via la Campagna Caritas-Focsiv

8 luglio 2020- Giornata Internazionale del Mediterraneo DACCI OGGI IL NOSTRO PANE QUOTIDIANO: AL VIA LA CAMPAGNA CARITAS-FOCSIV. Un’alleanza per amore degli ultimi, ancora più colpiti dalla pandemia. A 7 anni dalla storica visita di Papa Francesco a Lampedusa una Campagna per sensibilizzare e sostenere progetti concreti. Un dramma senza fine che “richiede di essere

Piccolo grande uomo, piccolo grande prete

Don Luigi Faganello era così profondamente immerso nella Carità che ormai indossava una sciarpa dell’Albania come stola, quasi a dire che non c’è servizio sacerdotale più grande di quello di essere tutto speso e donato agli altri, specie agli esclusi, ai poveri, ai dimenticati. Se è vero che tutti siamo uguali davanti a Dio e

Non cancelliamo Zaccheo

«forse l’accostamento logo Caritas – Porsche non è facilmente digeribile a livello canonico e per certe ideologie, ma ripropone in modo forte la contraddizione di un Vangelo che soverchia i nostri schemi.»   In questo tempo di pandemia abbiamo potuto sperimentare la fatica della mancanza di relazione, di calore umano. I social ci hanno aiutato

Tu, mio compagno di viaggio.

«porto tutti dentro quell’ “unico calice” che continuo ad alzare nella povertà della mia giornata terrena, nella fragilità della mia parola che diventa preghiera per tutti.» Con queste semplici righe vorrei condividere una gioia profonda che ha riempito, in questi giorni, ogni mio respiro e ogni piccolo frammento quotidiano: la bellezza di tanti passi fatti