Il volto dei volontari Caritas: Antonio - CARITAS TARVISINA

Il volto dei volontari Caritas: Antonio

E’ da più di un anno che svolgo volontariato presso il servizio docce della Caritas in via Venier. Il mercoledì arrivo verso le 4 del pomeriggio e subito mi dirigo in un piccolo ufficio proprio all’entrata del Centro d’Ascolto dove trovo il quadernone ad anelli gialli con il foglio excel per segnare gli “ingressi” degli “utenti”.

C’è già chi aspetta, magari con un ricambio appena ritirato dal servizio della lavanderia che si trova proprio lì accanto; nel frattempo giunge Mauro, un volontario di lungo corso che ogni mercoledì si fa i suoi bei chilometri pur di dare il suo contributo.

Le persone arrivano, chi da solo, chi in compagnia, chi per la prima volta, chi salutandoti per nome o esibendo semplicemente la tessera assorto nei suoi pensieri; tutti ringraziano uscendo e tu non sai nemmeno precisamente cosa rispondere, se arrivederci o meno; con Mauro parli un po’ di tutto, di piccole seccature sul lavoro, di cinema, di cosa voglia dire avere la possibilità di farsi una doccia, a volte non importa dove.

Un giorno Mauro mi dice che a suo parere il “nostro” servizio permette una relazione più orizzontale con chi si presenta per usufruirne; concordo: c’è chi scambia due parole, chi qualcosa di più, c’è chi si lamenta perché c’è chi ne approfitta o perché magari proprio lui è stato richiamato per non aver rispettato alcune regole, necessarie quando – pur con tutto l’impegno – le risorse sono limitate rispetto alle richieste. Due connazionali parlano tra loro e sono diverse le lingue che rimbalzano tra una doccia e l’altra o appena fuori in attesa dopo barba e, perché no!, capelli. Chi chiede informazioni sui diversi servizi viene indirizzato al Centro d’Ascolto; altri aspettano l’amico e nel frattempo danno un occhio al cellulare messo in carica. Noi un po’ ci limitiamo a “dirigere il traffico”, un po’ ad osservare, ad ascoltare, pure a rispondere con un sorriso se si presenta l’occasione.

Si fanno le sette e aspettiamo che gli ultimi arrivati finiscano di prepararsi; controlliamo che tutto sia in ordine, le finestre chiuse, le luci e i ventilatori spenti. Fuori c’è la fila per la mensa e riconosciamo alcuni volti che magari abbiamo giusto guardato al momento di chiedere la tessera.

Arrivi a casa appena più stanco e leggero; torni al tuo tram tram, ma sai e speri che almeno un po’ sei cambiato e questa incerta sensazione ti dà sollievo.


articoli correlati

Un Avvento di speranza

Quotidianamente facciamo esperienza delle ferite che il male lascia nel cuore dell’uomo. Dinanzi al grido di dolore di molti uomini e donne, sperimentiamo tutta la nostra impotenza e, forse per paura o per autodifesa, ci chiudiamo nel nostro mondo. Ci proteggiamo dietro il muro dell’indifferenza, ma quel grido non ci lascia in pace. Stiamo vivendo

Vorrei dire “Basta ….

Come uomo e come credente sento forte il desiderio di ribellarmi, di dire basta ad un clima politico, nazionale ed internazionale, farcito di arroganza, narcisismo ed ipocrisia. Non possiamo continuare a rimanere in silenzio, girandoci semplicemente dall’altra parte. Desidero affermare con tutte le forze il diritto sovrano ad essere uomo, cittadina di una comunità che

Questo povero grida e il Signore lo ascolta

Domenica 18 novembre celebriamo la seconda Giornata Mondiale dei poveri che quest’anno Papa Francesco ha intitolato “Questo povero grida e il Signore lo ascolta”. Nel messaggio per questa giornata il Papa rivolge a tutti noi delle parole che infondono coraggio a chi è sfiduciato e allo stesso tempo richiamano ciascuno alla responsabilità di custodire la

Resistenza e resa

La vita è un dono meraviglioso che va assaporato nella sua semplicità ed unicità. Ogni uomo è portatore di un “unicum” che lo rende prezioso ed insostituibile. Il Dio della vita e dell’Amore desidera che ognuno possa vivere in pienezza i propri giorni nella libertà e nella gioia. Questa promessa di Dio illumina l’orizzonte verso